L'Italia peggiore


Se Renato Brunetta, ministro della Pubblica amministrazione, non ha mai brillato per acume politico e popolarità, né ha mai dimostrato di saper raggiungere “altezze” intellettuali e morali degne di un ministro della Repubblica, ha ora toccato il fondo insultando i lavoratori precari della Pubblica amministrazione, definendoli “il peggio dell’Italia”. Se l’attuale governo e la sua miserrima compagine ministeriale hanno abituato gli italiani allo scandalo, ai pruriti sessuali di un patetico primo ministro, al disumano razzismo della Lega, al servilismo idolatra di lacchè e ruffiani verso il premier e al continuo ricorso alla legiferazione d’urgenza per parare culi e salvaguardare imputati e indagati dall’azione della “magistratura comunista italiana”, oggi la misura è colma e il vaso della democrazia “sottratta” sta versando tutta la sua fiele. Nessuna immunità, nessun impedimento, nessuna mitigazione possono permettere agli italiani di subire altri oltraggi, proni come le peripatetiche di stato o come i cercatori di alleanze della “scillipotiana” scuola. Brunetta non ha solamente sbagliato dimostrando fin dove può arrivare la sua bassezza morale e politica, né ha agito d’impulso nel clima di sbando di un governo che riceve sberle dagli elettori e che arranca maldestramente verso riforme promesse e mai concluse. Il ministro Brunetta è un estremista esagitato che ha frainteso e soverchiato i limiti del suo mandato e del pudore insultando pesantemente tutta la generazione precaria d’Italia. Solo per questo dovrebbe andarsene fra il clamore e il biasimo dell’intero Paese. Non pretendo scuse, che non potrebbero essere accettate, né mi aspetto che la alticcia e ormai furibonda cricca di governo prenda le distanze dal ministro. Resta solo la cacciata a suon di calci, il confino dell’abietto ministro in una zona oscura e disagiata, che sta oltre gli spazi politici e la memoria. Se l’Italia “migliore” non osa prendere a pedate l’indegno ministro occorre accettare il capovolgimento dei giudizi e affidare il compito a tutta l’Italia peggiore. Mirate bene! il calcio nel culo, data la scarsità di spazio fra i due, analoghi punti anatomici, potrebbe diventare un calcio sulla nuca.

Posted in , . Bookmark the permalink. RSS feed for this post.

One Response to L'Italia peggiore

  1. qualcosa sta cambiando... lentamente, ma sta cambiando!!

    RispondiElimina

Ricorda: il tuo commento non deve offendere nessuno, se vuoi esprimere una critica, esprimila in modo civile.
Il flame e i troll non sono ben accetti in questo blog.

Related Posts with Thumbnails

Disclaimer

Questo blog non rappresenta in nessun modo una testata giornalistica, in quanto non viene aggiornato a intervalli regolari e non ha scadenze periodiche.
Di conseguenza non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 07.03.2001. Parte delle immagini, contributi audio o video e testi usati in questo blog provengono dalla Rete e i diritti d'autore appartengono ai rispettivi proprietari. Qualora l'uso di testi e/o immagini violasse i diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà immediatamente alla loro rimozione.

Parola di Bonobo applica l'art.21 della Costituzione Italiana.

Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure.

Search

Swedish Greys - a WordPress theme from Nordic Themepark. Converted by LiteThemes.com.