Rifiuti e IVA: al via i rimborsi

Da tempo le associazioni di tutela dei consumatori si chiedono se sia leggittimo oppure no aggiungere l'IVA alla tassa dei rifiuti. Si può far pagare una tassa su una tassa? No. Si può far pagare una tassa su un tariffa? Si. Bene, la Corte di Cassazione ha stabilito che quella dei rifiuti è una tassa, non una tariffa. E allora? Si può chiedere il rimborso, a patto che si stia pagando la tassa sui rifiuti da almeno 10 anni.

Voglio segnalarvi due siti (www.vostrisoldi.it e www.informazione.it) dove potete trovare indicazioni nel caso foste nelle condizioni per poter richiedere il rimborso. Ma chi ha messo questa tassa sulla tassa? Alcune delle agenzie che gestiscono i rifiuti. Ma che differenza c'è fra tassa e tariffa? Prendo spunto da un sito: la tariffa deve essere proporzionale all'utilizzo del servizio mentre la tassa è fissa. Per quanto riguarda i rifiuti, una volta stabilita la metratura della casa, nessuno controlla quanta immondizia venga effettivamente prodotta, quindi si tratta di una tariffa tassa (soprattutto se lo dice la Corte di Cassazione). Sottolineo in oltre che per richiedere il rimborso è necessario iscriversi al codacons per 2 anni (100 euro in tutto). Interessati? Intanto vi riporto tal quale quel che c'è scritto sul sito del codacons:


L’aggravio dell’IVA sul pagamento della tassa rifiuti è illegittima. A stabilirlo è stata la Corte di Cassazione in base al fatto che quella sui rifiuti non è una tariffa, su cui può gravare l’IVA, ma una tassa a tutti gli effetti. Questo significa che ai cittadini italiani deve essere restituita l’IVA pagata per la tassa rifiuti negli ultimi dieci anni. La Corte di Cassazione, infatti, ha stabilito quanto detto uniformandosi a quanto prevedono le norme comunitarie; questo significa, ad esempio, che se un cittadino ogni anno ha pagato 900 euro di tassa rifiuti, il 10%, pari a 90 euro, è stato pagato per l’IVA; moltiplicando tale somma per 10 si arriva in dieci anni a 900 euro da restituire.


Ne consegue che il Codacons ha annunciato l’avvio di una maxi azione risarcitoria finalizzata alla restituzione di quanto incassato in maniera illegittima; per agevolare le famiglie ad ottenere la restituzione dei soldi, il Codacons, sul sito www.codacons.it, ha predisposto un’apposita sezione per raccogliere le adesioni all’azione legale.
Sul versante dello smaltimento dei rifiuti, intanto, l’Ufficio Studi della Cgia di Mestre ha rilevato come, dopo la città di Napoli, anche Roma rischia di essere sommersa dai rifiuti; questo perchè, in particolare, nella Capitale si registra una bassa capacità di stoccaggio e di smaltimento dei rifiuti, unitamente alla presenza di discariche sature e non perfettamente a norma.
e su quello di informazione:
Come già comunicato mesi addietro, la nostra Associazione si è attivata per portare a conoscenza di tutti i cittadini la possibilità di richiedere il rimborso per l'I.V.A. PAGATA SULLA TASSA RIFIUTI. . Chi volesse può richiedere i moduli gratuiti inviando e-mail agli indirizzi che troverete sul sito www.tutelare.it. Per qualsiasi chiarimento potete telefonare allo 0432 661353 o al cell 3920993525. Nel momento che con la Vs. richiesta non otteniate risposte potete contattarci per avviare un'azione collettiva.
Udine,02.04.2009
Il Presidente Nazionale
Silvana Munaretto



salute a tutti
Alessio




Posted in , , , . Bookmark the permalink. RSS feed for this post.

One Response to Rifiuti e IVA: al via i rimborsi

  1. complimenti!
    l'articolo è ottimo e soprattutto utilissimo.
    Nurix

    RispondiElimina

Ricorda: il tuo commento non deve offendere nessuno, se vuoi esprimere una critica, esprimila in modo civile.
Il flame e i troll non sono ben accetti in questo blog.

Related Posts with Thumbnails

Disclaimer

Questo blog non rappresenta in nessun modo una testata giornalistica, in quanto non viene aggiornato a intervalli regolari e non ha scadenze periodiche.
Di conseguenza non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 07.03.2001. Parte delle immagini, contributi audio o video e testi usati in questo blog provengono dalla Rete e i diritti d'autore appartengono ai rispettivi proprietari. Qualora l'uso di testi e/o immagini violasse i diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà immediatamente alla loro rimozione.

Parola di Bonobo applica l'art.21 della Costituzione Italiana.

Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure.

Search

Swedish Greys - a WordPress theme from Nordic Themepark. Converted by LiteThemes.com.